A & V

EXPLORERS

PIETRAMONTECORVINO – FOGGIA

Pietramontecorvino è un comune foggiano di poco più di duemila abitanti che sorge nel Subappennino Dauno. Fa parte del circuito ‘I borghi più belli d’Italia’, un’associazione privata che riunisce e promuove i piccoli centri italiani che hanno uno spiccato interesse storico ed artistico, ed è Bandiera arancione del Touring Club Italiano. La Bandiera Arancione altro non è che un marchio di qualità turistico-ambientale che il Touring Club Italiano conferisce ai piccoli comuni che si distinguono per un’accoglienza eccellente e di qualità. Pietramontecorvino è conosciuta anche come l’araba fenice della Daunia in quanto, ben due volte, risorse dalle sue ceneri.
Il piccolo borgo di Montecorvino, risalente ai Bizantini e a lungo contesto tra questi e i Longobardi, fu sede vescovile nel territorio della Capitanata. Sviluppatosi principalmente sotto i Normanni, fu interamente distrutto da Ruggero II di Sicilia. In seguito alla sua distruzione, i suoi abitanti, che erano principalmente dei pastori, si rifugiarono nelle grotte scavate nella roccia in un luogo poco distante chiamato Pietra, mentre altri tornarono a Montecorvino per ricostruirla. Secondo quanto ritrovato in una pergamena databile intorno ai primi anni del 1200, sappiamo che il castello di Pietra era diventato un feudo autonomo. Fu alla metà del 1400 che Montecorvino fu completamente distrutta una seconda volta, questa volta vide scontrarsi gli Angioini e gli Aragonesi per la successione al trono del Regno di Napoli e Montecorvino fu saccheggiata e bruciata per mano degli Aragonesi; quello che non andò distrutto con questa guerra, fu distrutto in seguito a un terremoto avvenuto qualche anno dopo. Con questa seconda distruzione, il piccolo borgo di Montecorvino sparisce dalla storia e lascia a futura memoria solo i ruderi di una torre normanna. Nel XVI secolo Pietra, che nei registri angioini era chiamata Castel di Pietra o Pietra di Monte Corvino, comincia ad essere chiamata solo Pietra o La Petra.
Agli inizi del XVIII secolo gli abitanti di Pietra costituirono un Comune autonomo e a partire dagli anni ‘60 del XVIII secolo il paese assunse l’attuale denominazione di Pietramontecorvino. Pietramontecorvino rinasce ai giorni nostri dalle rovine dovute all’incuria, grazie al recupero del suo centro storico, la Torrevecchia. Il centro storico conserva le caratteristiche architettoniche medievali, con le abitazioni in tufo, ottenute scavando direttamente la roccia tufacea. 

Next Post

Previous Post

1 Comment

  1. ปั้มไลค์ 20 Maggio, 2020

    Like!! I blog frequently and I really thank you for your content. The article has truly peaked my interest.

Leave a Reply

© 2020 A & V

Theme by Andrea Paolo