A & V

EXPLORERS

BASILICA DI SANTA MARIA MAGGIORE – BERGAMO

La Basilica di Santa Maria Maggiore è una Chiesa che si trova in piazza del Duomo, nella città di Bergamo. La scelta del luogo non è casuale: era già considerato sacro in epoca romana e sul suo suolo sorgeva un tempio pagano dedicato alla Dea Clemenza. La Basilica fu edificata nella seconda metà del XII secolo e, mentre esternamente segue uno stile romanico lombardo, ingentilito dai trecenteschi portali gotici, internamente è completamente e finemente decorata in stile barocco. Secondo la tradizione popolare, la Basilica fu costruita per ottemperare a un voto fatto alla Madonna dai bergamaschi, affinché li proteggesse dalla peste; ma da alcuni documenti storici risulta che la Chiesa già esistesse dal VII secolo.
La Chiesa rivelò immediatamente il suo splendore ma nel corso del tempo fu ulteriormente abbellita all’interno con affreschi, arazzi, tarsie lignee e volte decorate con stucchi e oro zecchino. Al suo interno è possibile vedere immensi cicli di affreschi trecenteschi, ma anche arazzi sia fiamminghi che fiorentini; troviamo l’imponente confessionale ligneo realizzato all’inizio del 1700 con legno di conifera, bosso e noce. Inoltre, al suo interno, trovano sepoltura ben tre personaggi illustri: Gaetano Donizetti, un compositore bergamasco, Giovanni Simone Mayr, che fondò una scuola di musica e di canto a Bergamo e fu maestro del Donizetti e, infine, troviamo la tomba del Cardinale Guglielmo Longo degli Alessandrini.
Osservando la Chiesa si notano subito delle particolarità che la contraddistinguono: la mancanza di un ingresso centrale, infatti l’accesso alla Chiesa avviene attraverso dei portali posti lateralmente; inoltre la facciata costituisce una parete unica con il palazzo adiacente. L’accesso dalla parte settentrionale e quello della parte meridionale è chiamato “porta dei leoni”, infatti, davanti agli ingressi si trovano dei piccoli portici posti a protezione e copertura dell’entrata e, alla base di queste colonnine, troviamo le statue dei leoni. I leoni, impassibili e maestosi, sorvegliano l’entrata e ricordano che Bergamo divenne parte della Serenissima Repubblica di Venezia nel 1428 a seguito della vittoria del Conte di Carmagnola. Le due porte si distinguono per la presenza di Leoni rossi dalla parte settentrionale e di Leoni bianchi presenti dalla parte opposta; la differente colorazione è data dalla tipologia di marmo utilizzata: il marmo rosso veronese e il marmo bianco di Candoglia.
Un’altra curiosità di questa Chiesa è che nel lato settentrionale sono ancora presenti le misure in vigore a Bergamo durante il Medioevo a cui i tessitori e i commercianti facevano riferimento quando facevano gli affari.

Next Post

Previous Post

Leave a Reply

© 2019 A & V

Theme by Andrea Paolo