A & V

EXPLORERS

PALAZZO DELLA RAGIONE E TORRE DEI LAMBERTI – VERONA

L’attuale Palazzo della Ragione sorge sui resti di un antico edificio privato costruito a ridosso di un antico foro romano, ovvero, l’attuale Piazza delle Erbe. Il Palazzo fu costruito sotto la volontà del Podestà Guglielmo da Osa nel 1193 per ospitare le magistrature del Comune, infatti questo è uno dei primi palazzi pubblici a livello italiano. Ha una struttura sobria e fortificata, è di forma quadrangolare con un cortile interno porticato e si articola su tre piani. Agli inizi possedeva ben quattro torri: una chiamata Torre Mozza o Torre Cappella perché fu costruita una cappella per i carcerati; un’altra chiamata Torre della Masseria ospitava al suo interno una prigione. Tra le due torri si estendeva al secondo piano, per tutta la lunghezze del lato del Palazzo, la Sala del Maggior Consiglio; completamente decorata con immagini che non sono giunte sino ai giorni nostri. Oggigiorno queste torri non esistono più.
Nel corso del XIV secolo si trasferì al suo interno il Collegio dei Notai e qui venivano svolte le funzioni pubbliche più importanti. Il Consiglio dei Notai continuò a riunirsi in questo Palazzo anche quando, all’inizio della dominazione veneziana, i membri furono ridotti da 500 a 70. Fu in seguito alla conquista di Verona da parte di Venezia e ai numerosi cambiamenti che avvennero in città che il Palazzo accolse le carceri, il tribunale, fu utilizzato come deposito del sale e furono istituiti vari uffici come quello dei dazi, del fisco e quello che si occupava della sanità. Dopo una grave carestia che colpì la città, il Palazzo fu aperto e il cortile diventò un luogo di compravendita delle farine per le famiglie povere e prese il nome di “Vecchio mercato”. Con la fine della dominazione veneziana nel XVIII il Palazzo subì nuovi cambiamenti e destinazioni d’uso e la facciata assunse forme neoclassiche. Inizialmente alcune aree del Palazzo furono messe a disposizione dell’Accademia delle Belle Arti e successivamente ospitò il tribunale fino agli anni ‘80 del secolo passato.
La Torre dei Lamberti, invece, fu fatta costruire nel 1172 dalla famiglia Lamberti; in quel periodo le famiglie nobiliari si facevano costruire delle case-torri e vi era una sorta di competizione tra famiglie per avere la miglior casa-torre nel centro della città. Inizialmente aveva una finalità difensiva ma un ventennio dopo la sua costruzione fu inglobata nel Palazzo della Ragione e ospitò persino una prigione. La costruzione iniziale subì vari interventi per innalzarla maggiormente, tant’è che alla metà del XV secolo fu inserita la cella campanaria di forma ottagonale sopra le finestre trifore e diventò, così, la torre più alta di tutta Verona. Sul corpo della torre, sotto la finestra trifora, vediamo gli stemmi del Podestà e un orologio, tutt’ora funzionante, inserito nel XVIII secolo.

Next Post

Previous Post

Leave a Reply

© 2019 A & V

Theme by Andrea Paolo